Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.

La Rivoluzione e la Chiesa

i FATTI iniziali

  1. 4 agosto 1789: l'abolizione dei diritti feudali lede anche la Chiesa, che ne è detentrice, ma viene indennizzata [Dizionario critico della Rivoluzione francese, tr. it. Bompiani, d'ora in poi: "DC"]
  2. nei giorni seguenti l'abolizione delle DECIME la danneggia, e non ne viene indennizzata [DC]
  3. 2 novembre 89 i beni della Chiesa sono messi a disposizione della nazione (per rimediare al deficit)

    MOTIVO: è un servizio pubblico, e come tale non proprietaria, ma usufruttuaria
    PRECEDENTI: i re inglesi, molti principi tedeschi, Giuseppe II

  4. febbraio 1790 l'Assemblea Costituente non riconosce più agli effetti civili i voti monastici.

n.b. fino a questo punto i rapporti tra clero e Rivoluzione non si erano guastati (molti parroci avevano migliorato la loro posizione economica grazie al sussidio statale stanziato per l'anno '90).
Da quel momento parte dell'opinione pubblica cattolica inizia a preoccuparsi.
PIO VI aveva già un giudizio molto negativo [DC, p. 491] e condannò in un concistoro segreto la dichiarazione dei diritti dell'uomo [ibi].

LA COSTITUZIONE CIVILE DEL CLERO (12 luglio 1790)

dibattuta nell'Assemblea Costituente da fine maggio a metà luglio 90 (secondo Furet, DC 492, senza alcuna profondità nè originalità)

inglobava la Chiesa nello stato ...

1)NUOVE CIRCOSCRIZIONI ricalcate sugli 83 dipartimenti statali (abolendo le precedenti 130 diocesi)
2)il clero diventava "pubblico ufficiale ecclesiastico", stipendiato dallo Stato, alla cui Costituzione deve giurare fedeltà,

un combattente vandeano

... separandola dal Papa

<< a cui veniva riconosciuto (art. 5 del titolo I) un primato puramente simbolico,
>> ma i cui brevi dovevano subire la censura del governo francese

Giudizio: grave intrusione del potere politico nella vita Chiesa.
< questa obiezione venne avanzata (dal vescovo di Aix, DC 492);
> ma si ribatté dal Treilhard

REAZIONI

PIO VI condannò la Costituzione civile solo il 10 marzo 1791 ma il clero francese capì subito la gravità della situazione :

solidarietà ai cristiani perseguitati

Asia Bibi, una donna pakistana, rischia la condanna a morte per non essersi convertita all'Islam:
informazioni su Asia News.

Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.

f Condividi

Per condividere su Facebook questa pagina puoi copiarne l'indirizzo dalla barra degli indirizzi (la trovi in alto) e incollarlo sulla tua pagina facebook. In questo modo evitiamo di installare cookies sul tuo dispositivo, venendo incontro alle disposizioni legislative di recente introdotte.

seguici: f Blogger You Tube t

sostienici



Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons:
Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia
.

Gruppo Cultura nuova:
cultura nuova - cultura cristiana - filosofico.org - cara Belta' - eTexts - mydigitalia - mondo oggi

w3c XHTML | w3c CSS | cookies | privacy.

è natale Buon Natale e buon anno! è natale
Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.