Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.
../../img/ritratti/lutero.jpg

La riforma protestante

in sintesi

Avviso: questa scheda non vuole dare un quadro esaustivo del fenomeno della Riforma, ma più modestamente evidenziarne alcuni dei più specifici tratti, nell'ottica di una sintesi rielaborativa.

La Riforma protestante segna un momento di svolta nella storia moderna; in un certo senso merita, accanto alla scoperta del Nuovo Mondo, di figurare come fattore decisivo di discontinuità con il Medioevo. In effetti con Lutero si rompe l'unità della Chiesa cristiana, in modo ben più profondo di quanto non fosse accaduto con la divisione dalla Chiesa greco-ortodossa, che rimaneva comunque dogmaticamente accomunata a quella cattolica. Dal punto di vista religioso il protestantesimo toglie di mezzo quel segno, (umanamente) fragile ma (per grazia divina) potentissimo, che per volere di Cristo stesso garantiva un ponte sicuro tra gli esseri umani e il Mistero infinito, la Chiesa. Ora l'uomo non può che trovarsi più smarrito, riguardo al Mistero: il rapporto con Quale poggia ora interamente sulla debole e cangiante soggettività di un individuo slegato dagli altri.

Ma non si tratta solo di una questione religiosa. Una nuova immagine di uomo viene affermandosi in importanti aree d'Europa. I suoi tratti:

Parallelamente il protestantesimo, dissolvendo l'idea universalista del Cattolicesimo, e generando tante chiese nazionali, sottomesse al potere statale, contribuisce ad alimentare la frammentazione dell'Europa in stati nazionali, compatti al loro interno ma contrapposti gli uni agli altri, con l'esito, tra l'altro, di una situazione di guerra (quasi) continua.

cause

Da un certo punto di vista il protestantesimo poteva al suo sorgere sembrare come una delle tante eresie, che avevano contrappuntato la storia del Cristianesimo, magari un'eresia particolarmente insidiosa e forte, ma che alla fine l'unica Chiesa di Cristo, quella che ha il suo fulcro nel successore di Pietro, avrebbe debellato, come aveva fatto con un'eresia pur forte e trionfante come per qualche tempo era stato l'arianesimo. È noto che invece le cose non andarono così: non si trovò il modo di far rientrare la nuova eresia, né mediante tentativi (peraltro esigui) di dialogo, né mediante la repressione, che un troppo incerto Carlo V, Sacro Romano Imperatore, esitò, per opportunità politica, ad attuare con un minimo di convinzione. Ma fu solo per l'assenza di repressione che il protestantesimo poté attecchire e radicarsi, o la debolezza dell'impeto repressivo non fu piuttosto una conseguenza della forza delle nuove idee, che si erano in breve guadagnate l'appoggio di un troppo vasto fronte di forze emergenti? È evidente che se il protestantesimo, invece di venire prontamente represso, si affermò in una estesa e fiorente area della Cristianità occidentale, fu perché veniva in qualche modo incontro a delle esigenze fortemente sentite, e diffuse in consistenti gruppi sociali. Vediamo di ricordare alcune di tali esigenze.

individualismo

1. Anzitutto il protestantesimo dava una risposta alla nuova istanza di individualismo, che col tramonto del medioevo era venuta irrobustendosi sempre più. A una mentalità medioevale di stampo comunitario era andata sempre più sostituendosi, almeno presso i ceti emergenti nella società rinascimentale, appunto una mentalità incentrata sull'individuo. Troviamo testimonianze di ciò ad esempio in campo artistico (col genere del ritratto, imperniato appunto sul volto dell'individuo), letterario (con la nuova importanza della soggettività), economico (con l'inizio del declino delle corporazioni, il diffondersi delle banche e del credito a interesse, con la sempre più esplicita legittimazione del valore del profitto individuale come movente dell'intrapresa economica). E il protestantesimo coronava tale aspirazione, liberando l'individuo, ora abilitato a leggere e interpretare direttamente la Sacra Scrittura, dalla sottomissione alla oggettività comunitaria della Chiesa visibile, coi suoi sacramenti e il suo autorevole magistero.

valorizzazione delle nazionalità

2. Un'altra esigenza che trovava risposta era quella delle nazionalità: cattolicesimo significava universalismo, sottomissione delle realtà particolari a un unico, universale, centro, Roma. Questo veniva facilmente accettato finché, come nel medioevo, ci fu una debole coscienza nazionale, predominando invece un forte senso di appartenenza ad un'unica Cristianità (oggi diremmo all'Europa). Il dissolvimento della civiltà medioevale si accompagnò invece all'emergere degli stati nazionali, nuove entità istituzionali (intorno a cui si costituì tutta una nuova realtà culturale, sociale ed economica) che abbattevano al loro interno le differenze regionali tipiche del feudalesimo medioevale, e affievolivano sempre più la coscienza di una comune appartenenza sopranazionale. Il protestantesimo coronava tale aspirazione, “liberando” le nazioni dalla soggezione a poteri sopranazionali: d'ora in poi le Chiese sarebbero state nazionali e soggette al potere politico dello stato nazionale. Questo spiega anche perché diversi sovrani, da molti principi tedeschi ai Re scandinavi e al Re d'Inghilterra non si lasciarono sfuggire tale ghiotta occasione e trascinarono con sé intere nazioni lontano dal cattolicesimo e dalla fastidiosa visibilità di Roma.

autonomia del profano

3. Un'ultima istanza valorizzata, questa volta si potrebbe dire suo malgrado, dal protestantesimo era quella di una autonomia dell'ambito profano. La cultura rinascimentale aveva affermato questa istanza, per cui il sapere scientifico deve avere le sue leggi (Galileo soprattutto avrebbe esplicitato questa idea), l'economia le sue (abbiamo prima accennato alla legittimazione del profitto, svincolato da considerazioni etiche), la politica le sue (si veda Machiavelli). In generale si rivendica con sempre più forza l'autonomia della natura dalla grazia, dal soprannaturale: se il medioevo concepiva unitariamente, pur distinguendoli, tali due livelli, ora la sfera profana, naturale pretende di non rapportarsi più al soprannaturale e alla fede. Per cui la vita non è più vista come prova e passaggio verso un ulteriore, ma ha un valore in sé stessa; il mondo non è più segno di Altro, teofania, ma è oggetto, in sé consistente; l'agire umano non è più bisognoso di un aiuto superiore per attuare la sua pienezza, ma attinge dalle proprie energie quanto basta (si veda quanto dice Montaigne sulla morte, da lui vista come un che di totalmente naturale). Il protestantesimo rispondeva di fatto anche a tale aspirazione, che pure in sé stessa era lontana dalle intenzioni, soprannaturalistiche, dei Riformatori. Vi rispondeva in quanto separava il problema della salvezza eterna da quello dell'agire mondano: quest'ultimo non è determinante ai fini di quella (infatti l'uomo non si salva, anche, in virtù delle sue opere, ma solo della sua fede), l'agire nel mondo diventa così sganciato dal riferimento all'Eterno, e si trova a doversi regolare su parametri essenzialmente mondani.

Così, come ha evidenziato Weber, l'economico acquista una sua indipendenza dall'etico e dal religioso e il capitalismo può trovare una autorevole legittimazione; così in campo etico la cosiddetta istintività si trova a non essere più giudicata e l'uomo moderno può conoscere questa nuova idea di una istintività naturale a cui può abbandonarsi senza problemi di coscienza.

tratti essenziali della Riforma di Lutero

1. il primato di una soggettività autocentrica nella personalità di Lutero

LuteroDunque la Riforma protestante era in qualche modo un adattamento del Cristianesimo alle mutate esigenze dei "nuovi tempi", ossia all'individualismo, all'iniziale statalismo e alla crescente divisione tra sacro e profano. In generale si può dire che le nuove idee attecchirono non fu solo e tanto perché viste come reazione agli errori e alle deficienze della Chiesa cattolica, che pure non mancavano (basti pensare ai Papi che immediatamente precedettero Lutero, Alessandro VI, Giulio II e Leone X, troppo "mondani"), quanto piuttosto perché a una parte importante dei gruppi in ascesa nella nuova epoca il cattolicesimo, con le sue istanze di comunionalità, di autorità, e ,in una parola, di dipendenza dall'oggettivo, cominciava a stare troppo stretto.

Quello che abbiamo visto vero per quella parte di Europa che accolse il nuovo verbo luterano, è possibile dirlo dello stesso Lutero. In effetti spesso è stata accreditata l'idea che quella di Lutero sia stata una reazione di indignazione di fronte agli scandali di cui la Chiesa cattolica dava mostra; in particolare si ricorda come la vendita delle indulgenze abbia funto da detonatore per lo sdegno del Riformatore, che vi avrebbe visto la prova definitiva dell'irreversibile allontanamento del cattolicesimo dalle origini cristiane. Certo tale fattore non è assente, ma non è nemmeno la molla segreta e profonda che spinge l'inquieto monaco di Wittemberg a rompere con Roma.

Non è partendo da fuori, dalla constatazione di qualcosa di esterno e oggettivo che prende le mosse la Riforma di Lutero. È dentro di lui, nella sua interiorità, nella sua soggettività, una soggettività che senza offesa si può definire testarda e autocentrica, che si gioca l'essenziale della partita. È dentro di lui che si compie il dramma che poi sboccherà nella scelta di sfidare il Papato, lacerando rovinosamente e profondamente la Cristianità occidentale. Questa è una tesi dimostrata da autorevoli e documentati storici della Riforma come il Lortz e lo Jedin.

In effetti lo possiamo constatare da diversi indizi: Lutero ad esempio nella sua visita a Roma nel 1510 non si mostra affatto scandalizzato per ciò che vi vede, ossia una città in grande fervore artistico e culturale con il Papa (che vi chiamava i più grandi pittori e architetti del tempo) più impegnato in preoccupazioni mondane che in una seria attività pastorale. Nelle sue lettere e nel suo diario non si trova una sola parola di biasimo per il Papa e la Curia. Egli, più attento ai suoi moti interiori che a ciò che vedeva intorno a sé, è invece entusiasta di trovarsi a Roma, entusiasta come un santo pazzo (secondo le sue stesse parole).

Ancora, che non fosse tanto ciò che egli constatava oggettivamente a muoverlo, lo vediamo da una analisi delle sue tesi sulle indulgenze, che comunemente viene vista come il manifesto della rottura con il Papato. In realtà il senso di tali tesi è ancora interpretabile in qualche modo come cattolico: Lutero, nel denunciare l'abuso delle indulgenze, che venivano proposte come sicuramente accordate ai propri defunti per il solo fatto di pagare un'offerta, può ancora essere letto come cattolico. Non è lì il punto di non ritorno.

Ma potremmo infine trovare la conferma diretta di quanto straripante fosse in Lutero il primato della soggettività da un insieme di episodi della vita e aspetti del temperamento del Riformatore, come il suo linguaggio, spesso sboccato e triviale, e il suo affidarsi nelle scelte decisive, più che alla ragione (da lui bollata come Die Hure des Teufels), che è essenzialmente apertura all'oggettivo, all'intuitività, in lui pronta e scaltrita, abilissima nel cogliere l'occasione più propizia, ma pur sempre soggettiva e particolarizzante (si possono vedere in proposito le profonde osservazioni di Maritain in Tre riformatori). Senza contare che, com'è noto, Lutero stesso teorizzò esplicitamente che nel caso di conflitto tra la propria coscienza e l'autorità della Chiesa bisogna preferire la prima.

2. la concezione luterana

Proprio in questa affermazione della coscienza soggettiva come orizzonte intrascendibile, sta la radice del protestantesimo. Vediamo perché. Che in qualche modo l'oggettività della proposta di Cristo debba essere paragonata con le esigenze (conoscitive e affettive) del soggetto umano è un verità pienamente cattolica: sarebbe alienante accettare qualcosa per una imposizione esterna che non trovi in noi una adeguata corrispondenza. Ma per il cattolicesimo la soggettività umana non è esaurientemente comprensibile al soggetto stesso: ognuno è mistero a sé stesso, e per capire ad amare davvero me stesso devo aprirmi a una misura più grande della mia. Non è che Lutero neghi l'esistenza di una misura più grande (riconosce infatti Dio e Cristo), ma il rapporto con Essa è totalmente dettato della misura della soggettività individuale.

Elenchiamo alcuni punti che esemplificano questo straripamento della soggettività.

1. il problema della salvezza

Soggettivistico è in effetti il modo con cui Lutero pone il problema che più gli pesava, e in virtù del quale, profondamente, si prepara la rottura con la Chiesa, ossia il problema della salvezza: come può l'uomo, peccatore, salvarsi? La Chiesa diceva: in virtù della grazia e dei meriti di Gesù Cristo e delle opere buone, frutto della cooperazione della volontà umana alla grazia. A Lutero tale risposta non andava bene: se all'uomo è chiesto di essere buono, di operare il bene, allora siamo inevitabilmente perduti, poiché tale e tanto è il nostro male (la concupiscenza è invincibile, anche dopo il battesimo), da rendere inesorabile la condanna eterna. Dov'è il soggettivismo di questa impostazione? Nel fatto che lo sguardo è tutto sul soggetto: Lutero non guarda gioiosamente stupito all'imprevedibile novità di Cristo, che vuole il suo bene, ma alla sua incapacità di essere coerente. Un atteggiamento ben diverso dal di Pietro, che pur cosciente del suo peccato, è tutto incentrato sulla Persona che ha davanti. Tuttavia non si può negare che all'interno della teologia cattolica dei secoli che lo precedevano, fossero andati sviluppandosi germi di questa riduzione moralistica, che si incentrava più sulla capacità di coerenza umana, che sullo stupore della novità dell'Evento di Cristo.

Soggettivistica è la sua soluzione a tale problema: non le opere, ma la fede salva (sola fides). Infatti tale tesi suppone una “impermeabilità” del soggetto umano all'oggettività della grazia. Perché non posso operare il bene? Perché niente può permeare, lievitare dall'interno la mia soggettività, decaduta in seguito al peccato originale e irrimediabilmente chiusa nella sua peccaminosa corruzione, che ne altera tanto la conoscenza quanto la volontà. Non raggiungibile da una grazia che permei la mia umanità, non posso sperimentare in me una novità di vita, un cambiamento della mia umanità, che diventa, per grazia, più vera: posso solo sperare in una Misericordia che non risani ma ricopra il mio male.

2. Chiesa, Sacramenti e Scrittura

Nessuna oggettività poi dovrà più disturbare una tale autocentrica soggettività: il rapporto con Dio, con Cristo, poggia ora sulla interiorità. Se l'umanità non è riplasmata dalla Grazia, la Chiesa visibile perde la caratteristica di essere un brandello di umanità specificamente plasmato dello Spirito, segno del tutto speciale della Presenza, e si riduce ad essere la associazione di coloro che credono in Cristo, la cui ontologia è peraltro, del tutto o quasi, identica all'ontologia di chi credente non è. Il credere infatti finisce con l'essere, nel protestantesimo, un atto (quasi) interamente umano, un atto della volontà, più che un riconoscere una Presenza, che per prima ci ha afferrati e ci cambia ontologicamente.

Così la Bibbia non dovrà più essere letta “dentro” la Chiesa e il suo Magistero, ma sarà da ognuno interpretabile individualmente (dottrina del libero esame). Non è una libertà, che si conquista così, come se la Chiesa fosse stata una tiranna (quando invece al suo interno sono fiorite diverse sensibilità e diverse teologie), ma è uno smarrimento: la mente dell'uomo è debole, e ora Lutero la lascia in balia della sua volubilità e dei suoi dubbi.

Così i sacramenti, che erano espressione visibile della mediazione ecclesiale tra l'individuo e Cristo, sono ora svuotati della loro portata, in particolare l'Eucarestia, segno della presenza visibile di Cristo, è ridotta al ricordo (vago e inincidente) dell'Ultima Cena (il pane e il vino non si trasformano nel Corpo e nel Sangue del Signore). In piena coerenza: se il pane e il vino non cambiano, nemmeno cambia la mia umanità, ora vista come impermeabile al divino.

il rapporto con lo stato e la storia

Allorché Lutero, di fronte alle due grandi ondate di ribellione al potere costituito, da lui (involontariamente) suscitate, ossia la rivolta dei cavalieri e quella dei contadini, si rese conto di non avere doti organizzative tali da poter gestire efficacemente la realtà dell'ambito civile, decise di dare piena delega allo stato, e non solo per l'ambito profano, ma anche per la gestione della stessa chiesa riformata.

In effetti, se la chiesa viene svuotata di dimensione soprannaturale, essa non è altro che una associazione mondana come tante, ed è comprensibile come essa non possa accampare alcuna prerogativa di indipendenza nei confronti dello stato, che è la suprema istituzione mondano-profana.

Inoltre Lutero, in forza della sua negazione del libero arbitrio, travolto dal peccato originale e non più presente nella natura decaduta e corrotta dei figli di Adamo, è portato a vedere la storia come uno snodarsi necessario di eventi, dietro cui si cela inevitabilmente la Volontà di Dio, che tutto regge. Perciò non ha senso opporsi alla volontà dello stato, per quanto ingiusta possa apparire, in quanto essa è comunque espressione della Volontà di Dio.

Così, verso la storia, l'atteggiamento luterano è di sostanziale rassegnazione: tutto ciò che accade, anche il male, è «maschera di Dio» (Mummerei Gottes). Per questo, ad esempio, Lutero ebbe a sconsigliare di opporsi ai Turchi che dilagavano in Europa, in quanto inviati da Dio stesso a punire la corrotta Cristianità.

Si può vedere il seguente schema svg:

qui c'è una immagine vettoriale:
se non la visualizzi stai usando un browser non aggiornato

aspetti cronologici

Abbiamo accennato al fatto che Lutero avvertiva angosciosamente il problema della propria salvezza, constatando dolorosamente la propria incapacità di essere coerente con la legge di Dio. A un certo punto, leggendo S.Paolo (il mio giusto vive di fede, egli ebbe una intuizione: è chiaro, se guardo alle opere non potrò mai salvarmi, quindi non sono le opere che salvano, ma la fede: solo la fede e la sola fede salva. È questo il punto di partenza profondo della Riforma, più che l'indignazione per la scandalosa pratica della vendita delle indulgenze.

Tetzel

la vendita delle indulgenze e la reazione di Lutero

Quest'ultima fu comunque l'occasione concreta su cui Lutero cominciò a sfidare Roma. In effetti anche in Germania si era diffusa la pratica di presentare le donazioni in favore del Papato (che allora raccoglieva offerte per la costruzione di una nuova, imponente basilica di S.Pietro a Roma) come capaci di assicurare meccanicamente l'indulgenza, cioè il perdono dei peccati per i propri cari defunti: si sintetizzava tale concetto nel motto appena la monetina tocca il fondo della cassetta, l'anima si leva verso il cielo (Sobald das Geld im Kasten klingt, die Seele in den Himmel springt!), insomma la monetina scende e l'anima sale. Si dimenticava così la dimensione più importante di una sana pratica delle indulgenze, che è il coinvolgimento attivo del soggetto, l'impegno di una preghiera e di una vita santa, a vantaggio di un automatismo (donazione → risultato) oggettivamente scandaloso. Così faceva ad esempio il predicatore domenicano Johann Tetzel.

Contro tale pratica non del tutto a torto insorge Lutero, con le 95 tesi apposte il 31 ottobre 1517, sulla porta della chiesa del castello di Wittenberg. Tali tesi, pur con sottolineature unilaterali e ambiguità, poteva ancora essere intese in senso cattolico: si nega alla Chiesa il potere di vincolare le decisioni divine, il Papa può abrogare una pena da lui stesso inflitta, ma non un castigo deciso da Dio.

lo scontro

Il Papa Leone X reagì in modo duro, non concedendo nulla a Lutero, con la bolla Exsurge Domine (giugno 1520), ordinando che gli scritti di Lutero fossero bruciati.

La risposta di Lutero fu altrettanto dura, nel dicembre di quello stesso 1520: brucò in pubblico la bolla papale; era la rottura con Roma.

Lutero trovò allora protezione nel duca di Sassonia Federico il Savio, che lo convinse anche ad appellarsi all'imperatore Carlo V, a cui spettava di rendere esecutiva la condanna papale. Carlo V indisse una Dieta a Worms, nel 1521, a cui Lutero fu ammesso, munito di salvacondotto imperiale, che gli avrebbe dovuto evitare di fare la fine di Hus a Costanza poco più di un secolo prima.

Lutero a Worms tenne una linea intransigente, rifiutando di ritrattare alcunché, sostenendo di dover obbedire piuttosto alla sua coscienza che al papa. Così pur potendo allontanarsi immune da Worms (Carlo V fu fedele alla parola data), egli venne dichiarato da allora in poi nemico pubblico, così che chiunque avrebbe potuto ucciderlo impunemente. Deciso allora fu l'appoggio del duca di Sassonia (che lo portò al sicuro nel proprio castello della Wartburg, in Turingia), a cui si unirono molti altri principi tedeschi, e col consenso di una buona parte della popolazione tedesca, insofferente della dipendenza da Roma.

Una parte importante dei principi tedeschi in effetti aderì alla Riforma. Il motivo lo abbiamo già detto: in tal modo essi acquisivano un potere politico sulla nuova chiesa riformata, e potevano incamerare i cospicui beni economici della Chiesa stessa, e in particolare degli ordini religiosi, che la Riforma soppresse. Per cui Carlo V ebbe insuperabili difficoltà a estinguere l'incendio ormai scoppiato e dilagante in Germania.

le rivolte dei cavalieri e dei contadini

Si trattò di due fenomeni involontariamente provocati da Lutero, il cui messaggio veniva inteso come un generico ritorno allo spirito evangelico e come una conseguente rivolta contro le autorità costituite.

I primi a ribellarsi furono i cavalieri, cioè la piccola nobiltà, nel 1521-23. Si scatenò una vera e propria guerra civile, ma la grande feudalità ebbe buon gioco a reprimere rapidamente la rivolta, con plauso dello stesso Lutero.

Più difficile si rivelò reprimere la rivolta dei contadini (1524-25). A muoversi in effetti furono ingenti masse di contadini in un po' tutta la Germania, riuscendo a darsi una certa organizzazione e un programma preciso, compendiato nei 12 articoli, e una guida, che divenne Thomas Müntzer (1490-1525), di idee comunistiche (prima di morire gridò: tutte le cose appartengono a tutti).

Lutero stesso intervenne pesantemente contro i contadini in rivolta, chiedendo ai signori legittimi di schiacciarli senza pietà (Nessuna misericordia, nessuna pazienza verso i contadini, solo ira e indignazione). E alla fine la rivolta venne sanguinosamente sedata con la battaglia di Frankenhausen (1525), e Müntzer venne catturato, torturato e decapitato.

Per motivi analoghi a quelli a cui vi aderirono i principi tedeschi, aderirono alla Riforma luterana i Re di Svezia e di Danimarca-Norvegia.

Oltre Lutero

E' notevole il fatto che, una volta rotta l'unità cattolica, si creino, tra i "ribelli", divisioni e continue fratture: non si crea un'unica Chiesa riformata, ma tante confessioni, che a loro volta facilmente si scheggiano e frantumano. Un segno, anche questo, della erroneità della scelta di rompere con colui che Cristo stesso aveva indicato suo Successore.

l'anglicanesimo

Un caso a sé quello dell'Inghilterra, che passò alla Riforma senza rinnegare, almeno all'inizio, i dogmi cattolici, ma semplicemente nella forma di uno scisma. Il pretesto è noto: la mancata concessione del divorzio a Enrico VIII. Chi dice che il papato fece tale diniego solo per motivi politici, cioè per non inimicarsi la Spagna (dato che la consorte legittima del Re era la spagnola Caterina di Aragona), dimentica che, anche da un puro punto di vista politico, sul piatto della bilancia, la possibile reazione della Spagna per un divorzio concesso, sarebbe comunque stata meno grave di quella minacciata da Enrico VIII. Non era infatti immaginabile che la Spagna rinnegasse il Cattolicesimo, mentre la perdita dell'Inghilterra, stato in forte ascesa e prevedibilmente destinato a continuare tale ascesa, fu per il Papato un duro colpo. E perciò degno di nota come il Papa anteponesse, alla ragion di stato e al suo interesse, una questione di principio: il matrimonio è indissolubile, e al capriccio arbitrario del Re non era giusto cedere.

Enrico VIII si fece proclamare, con l'Atto di supremazia (1534), capo supremo della Chiesa d'Inghilterra, o Chiesa anglicana, non sottomessa al Papa, vietò il pagamento delle decime a Roma, pretese per sé il diritto di scomunicare e di designare i candidati all'episcopato, soppresse i monasteri e ne requisì i beni per poi rivenderli e assicurarsi in tal modo il prezioso appoggio politico di nobili e piccola e media borghesia, interessati all'acquisto. Da notare che il filosofo Tommaso Moro, già cancelliere del re, rifiutò di aderire alla politica del sovrano e pagò con la vita tale scelta.

Ma quello operato da Enrico VIII era più uno scisma, come abbiamo detto, che una rottura sul piano dottrinale. Questa si compì col figlio Edoardo VI (1547-53). Questi fece approvare il Book of Common Prayer (1549), una dottrina e una liturgia ufficiali, in cui confluivano sia elementi luterano (prevalenti), sia elementi zwingliani e calvinisti.

Una parentesi fu rappresentata dal regno di Maria (1553-58), figlia di Caterina d’Aragona e moglie del re di Spagna Filippo II: tale sovrana, cattolica, bloccò per qualche tempo la Riforma permettendo la restaurazione del cattolicesimo.

Alla morte di Maria la sorellastra Elisabetta (1533-1603, figlia di Anna Bolena e protestante) riportò l'Inghilterra al protestantesimo. Nel 1559 Elisabetta fece nuovamente approvare dal Parlamento l'Atto di supremazia, con cui si ripristinava la legislazione antipapale di Enrico VIII, e l'Atto di uniformità, che ristabiliva la riforma liturgica di Edoardo VI. Nei Trentanove articoli di fede (1562) furono elaborati i tratti specifici dell'anglicanesimo, in qualche modo sintesi tra le posizioni teologiche cattolica luterana e calvinista.

il calvinismo

Diverso dal passionale e istintivo Lutero, il freddo e lucidamente calcolatore Calvino (1509/64) elaborò una nuova Riforma, che non faceva appello ai principi e ai Re, ma alla coscienza degli individui, specialmente appartenenti alle élites (economiche, sociali o intellettuali).

Centrale, in Calvino, è l'idea di predestinazione: se l'uomo non ha più libero arbitrio, chi decide tutto è Dio. Dio che governa infallibilmente non solo il mondo naturale, ma anche la vita e il destino degli uomini, predestinando gli uni alla eterna salvezza, gli altri alla eterna dannazione.

Tuttavia ciò non comporta alcuna conseguenza fatalistica: anche se il suo destino è già scritto, l'uomo deve impegnarsi in tutti i modi per diventare certo della sua predestinazione alla salvezza. In effetti lo sforzo non può essere teso a meritare la salvezza (essa è già decisa), ma solo ad esserne certo. Qual è, dunque, il segno, per l'uomo, della propria predestinazione alla salvezza eterna?

E' il successo: da qui l'insistenza calvinista sull'importanza del successo, anche economico, come segno; e di qui la totale decolpevolizzazione del profitto, che ha autorizzato Max Weber a indicare nel calvinismo un potente impulso ideologico al capitalismo. Se il cattolicesimo aveva in passato frenato sul valore di un arricchimento individuale sganciato da riferimenti comunitari, ora non solo non sussiste più alcun freno, ma viene attivato un potente incentivo: guadagnare, in questa vita, è garanzia anche di salvezza nell'altra, e definitiva, vita.

Inoltre Calvino volle che le realtà dominate dalla sua nuova interpretazione del Cristianesimo, come Ginevra, «la Città dei Santi», fossero governate con ferrea disciplina per far osservare il più possibile la legge morale. Al contrario di Lutero, che affidava la stessa chiesa allo stato, Calvino pretese che lo stato fosse sottomesso alla sua chiesa.

Nota bene. Lo sforzo calvinista di moralizzare non solo la vita pubblica, ma anche quella privata, va ben oltre l'idea tradizionalmente cattolica. Per il Cattolicesimo, anche nel Medioevo, pur auspicandosi che tutti, sempre e ovunque accolgano la proposta di Cristo, non si concepiva una imposizione forzata di un certo livello di moralità. Il progetto di Calvino non rispetta più il valore della coscienza individuale, né un minimo di distinzione tra sfera pubblica e sfera privata, e può essere visto come un inquietante prodromo di una mentalità totalitaria, che nel '900 avrebbe seminato amari frutti di violenza e di sopraffazione.

testi

solidarietà ai cristiani perseguitati

Asia Bibi, una donna pakistana, rischia la condanna a morte per non essersi convertita all'Islam:
informazioni su Asia News.

Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.

f Condividi

Per condividere su Facebook questa pagina puoi copiarne l'indirizzo dalla barra degli indirizzi (la trovi in alto) e incollarlo sulla tua pagina facebook. In questo modo evitiamo di installare cookies sul tuo dispositivo, venendo incontro alle disposizioni legislative di recente introdotte.

seguici: f Blogger You Tube t

sostienici



Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons:
Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia
.

Gruppo Cultura nuova:
cultura nuova - cultura cristiana - filosofico.org - cara Belta' - eTexts - mydigitalia - mondo oggi

w3c XHTML | w3c CSS | cookies | privacy.

è natale Buon Natale e buon anno! è natale
Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.